Umberto Eco – Perché i classici

Trascrizione della conferenza tenuta da Umberto Eco presso l’Università di Bologna

9 OTTOBRE 2002

Non abbiamo ancora deciso cosa sia un classico e ne do una definizione sociologica, cioè priva di giudizi di merito. “Un classico è un libro che tutti odiano perché sono stati obbligati a studiarlo a scuola”.

Qualcuno avrà visto sul supplemento “Sette” del Corriere della Sera che il critico ha lanciato una consultazione tra i suoi lettori per sapere qual è il libro da buttare nel cestino. La grande maggioranza è stata ottenuta dai Promessi Sposi, un classico tipo. A me è successo un colpo di fortuna spaventoso, mio padre, che non era un professionista della cultura, ma figlio di un tipografo, aveva avuto alcune letture nella sua giovinezza, e mi ha regalato i Promessi Sposi sei mesi prima che me lo facessero studiare a scuola. Io, quindi, l’ho letto per libera scelta, invece di fare i compiti di casa, e mi è piaciuto moltissimo, tanto che da allora l’ho sempre letto e riletto; tutti i miei compagni di scuola invece l’hanno trovato solo materia di studio. La scuola è organizzata in modo da farvi odiare i classici indipendentemente dalla bravura del vostro professore. Noi avevamo un professore di greco e latino che adoravamo perché era così simpatico, ma lui amava troppo i classici, quindi li leggeva assaporandoli nella bocca come se mangiasse del miele, non riuscendo a spiegarci perché dovevano piacere a noi. Noi assistevamo al grande spettacolo del suo orgasmo e così ce lo ricordiamo. Dopo di che non abbiamo mai capito la bellezza di un classico.

 Cos’è un classico?

È un sopravvissuto. Voi avrete sentitto parlare di termini come il “canone”. C’è un critico come Harold Bloom che ha già scritto il secondo libro sul canone. Il canone è quell’insieme di testi che noi giudichiamo fondamentali per la nostra cultura. Ciascuno può discutere se l’autore tale entra o non entra nel canone ma, insomma, c’è, ed è quest’insieme di autori. Ma un libro entra nel canone perché è sopravvissuto. Se voi leggete la Poetica di Aristotele, che tratta della tragedia, vedete che nomina un’infinità di tragedie. Noi ne riconosciamo due o tre, perché sono quelle che sono arrivate sino a noi, le altre non si sa cosa siano, sono morte per strada. Erano tragedie sfigate. Perché è sopravvissuto Sofocle e non un altro? Perché era il più bravo? Perché era il più ammanicato con gli organizzatori teatrali? Per caso? Perché le sue opere non erano in quel posto che è bruciato? Non lo sappiamo. Se andava un poco più male, non sopravviveva Dante perché nel ‘700 non lo voleva vedere più nessuno.

Comunque dobbiamo avere una certa fiducia nel filtraggio storico. Anzitutto, qualcuno ogni tanto mi viene a spiegare che ci sono i libri seri che sono i classici, anche scritti ora ma che aspirano a diventare i classici, e che ci sono invece i bestsellers, che la gente pronuncia “betsellers”, e che sono quelli che, in quanto divertono eccetera, hanno una grande tiratura e non hanno valore letterario. Bene, i classici sono sopravvissuti perché erano tutti bestsellers. Era un bestseller la Bibbia e lo è ancora, Dante veniva recitato anche dai fabbri, ad alta voce, come vuole l’aneddoto di Boccaccio. Manzoni, poveretto, c’ha rimesso un sacco di soldi, perché sono state fatte decine e decine di edizioni pirata dei Promessi Sposi, in varie lingue. Lui non prendeva diritti d’autore, ma era un enorme bestseller. Quindi sono sopravvissuti in quanto bestsellers.

È questo un criterio attendibile?

Voi sapete che esiste una pubblicità immaginaria, ma non inverosimile che dice “mangiate merda, milioni di mosche non possono sbagliarsi”. Ora, ci sono due obiezioni a questa pubblicità: uno, che è anche possibile che milioni di mosche possano sbagliarsi come è possibile che milioni di cittadini votino male eccetera eccetera; secondo, che può darsi che le mosche abbiano esigenze che non sono le nostre. Quindi un libro era un bestseller nel II secolo a.C., perché rispondeva ad alcune esigenze, che non sono più le nostre. Però questa battuta sulle mosche si basa su un principio che si usa anche in teologia, ed è la dimostrazione dell’esistenza di Dio per consensus gentium. Non è una grande dimostrazione razionale, non ha fondamento scientifico. Ma, dice “non potete negare l’esistenza di Dio visto che da millenni e in ogni cultura “le genti” hanno creduto in un principio superiore”. L’idea del consensus gentium è molto importante, perché anche un ateo, non può non tenere conto del consensus gentium, e quindi può come ateneo non credere in Dio, ma non può prendere sottogamba il fatto che “le genti”, nel corso dei millenni, si siano poste il problema del sacro. E quindi vedete che il consensus gentium qualche attendibilità ce l’ha. I classici sono arrivati a noi perché sono sopravvissuti. Sono sopravvissuti per ragioni darwiniane, per le stesse ragioni in cui noi Homo Sapiens Sapiens siamo sopravvissuti e l’uomo di Neanderthal invece si è estinto. Cioè, i classici sono stati più fortunati dei dinosauri.

Perché?

Perché con i classici ci troviamo di fronte a un problema, che è quello della memoria. La memoria è fondamentale per la vita individuale. Chi improvvisamente per una lesione cerebrale perde totalmente la memoria diventa un’ameba, non ha più… È per quello che a me non interessa il problema della reincarnazione. Non m’interessa che mi dicano che mi reincarno in un cammello se poi quel cammello non si ricorda quello di cui mi ricordo io adesso, e sono affari suoi e non miei. La memoria è fondamentale per le società. Sin dalla preistoria il vecchio seduto sotto una quercia che racconta i miti e le storie delle epoche precedenti ai giovani, tramanda questa memoria: la società vive e si sviluppa proprio perché si trascina dietro questa memoria. Le biblioteche altro non sono che una garanzia di sopravvivenza della memoria collettiva e, con tutti i suoi difetti, lo è anche il web. Senza memoria, si vive di meno e si ha minore personalità. Ma ci sono anche i rischi della memoria. Forse voi avete letto quella novella di Borges dove c’è un personaggio che si chiama Funes el Memorioso, che ricorda tutto, ricorda ogni foglia di ogni albero che ha visto nella sua vita, ricorda ogni cosa che gli è successa, in qualsiasi istante. Ricorda tutto. Ha una memoria totale. Ed è praticamente un imbecille. Perché non ce la fa. È come il web. Se noi dovessimo, di colpo, sapere tutto quello che c’è nel web, diventeremmo pazzi. Quindi qual è la seconda virtù della memoria. La prima è quella che conserva, la seconda è quella che filtra. Guai, se la memoria, sia individuale che collettiva, non facesse delle decimazioni giorno per giorno e buttasse via quello che non vale la pena o che è troppo complicato ricordare. Saremmo tutti come Funes el Memorioso.

Quindi classici sono il doppio risultato dell’attività di conservazione e di filtraggio della memoria. Dobbiamo fidarci di questo filtraggio? No, per le stesse ragioni per cui non dobbiamo fidarci necessariamente della democrazia. Può darsi che la maggioranza abbia votato in un modo, ma noi possiamo contestare che questa maggioranza abbia avuto ragione. Così, si contesta continuamente il filtraggio. Si dice “guardate, si è dimenticato pincopallino autore importantissimo del Seicento”. Le università campano su questo, di persone che vanno a ripescare, come psicanalisti, nella spazzatura della memoria, cose che sono state dimenticate, e le ripropongono. Però, così come Churchill diceva che la democrazia è una pessima forma di governo, ma sinora non si è trovato nulla di meglio. Così non si è trovato nulla di meglio di questo “va e vieni continuo” per cui il canone rimane sempre con un nucleo costante, ma alla periferia si arricchisce continuamente. Si decide che l’autore più famoso dell’800 francese si chiamava Sue e nessuno lo legge più e contemporaneamente, uno degli autori disprezzati, si chiamava Dumas e oggi, non ho oggi, tra un mese circa, lo insediano al Pantheon.

Ma fate pure conto che tutti i classici sopravvissuti siano stati scelti male. Va be’, è stato un incidente, come se ce l’avesse fatta l’uomo di Neanderthal e non ce l’avesse fatta il Sapiens Sapiens. Guardate che noi oggi, per esempio se andiamo dallo psicanalista, parliamo di complesso di Edipo perché la storia ce l’ha raccontata Sofocle. Se andiamo ad analizzare i nostri modi di conoscenza, il nostro linguaggio, persino quando parliamo di angolo retto, lo facciamo perché prima ne ha parlato parlato qualcun altro, in questo caso Euclide. Quindi leggere questi classici, che son sopravvissuti per sbaglio e mettiamo, ammettiamo pure, per ragioni sbagliate, serve però a capire come pensiamo noi. Pensiamo così per ragioni sbagliate? Non importa, però se non capiamo da dove ci arriva questo pensiero, non ce la caveremo mai. I classici riscoperti o ri-scoperti dalla collettività che arricchisce il canone o dall’ individuo che per la prima volta decide di leggere i Promessi Sposi, sono pieni di deliziose sorprese. Due giorni fa Benigni è stato qui a raccontare come prima di iniziare il montaggio di un film, lui si rilegga Dante perché ci trova delle tecniche di montaggio favolose. Io ho dedicato alcune pagine al montaggio televisivo dell’inizio dei Promessi Sposi. Chiunque abbia una telecamera digitale e volesse riprendere qualcosa dal balcone di casa propria, farebbe bene a rileggersi l’inizio di questo romanzo, per capire come deve muoversi la camera. Non si capiscono le macchinazioni del romanzo poliziesco se non si vanno a rileggere i colpi di scena dell’Edipo re di Sofocle. Altro che Poirot, l’Edipo re è uno dei più grandi romanzi polizieschi di tutti i secoli. Quindi sono un territorio di avventura continua.

Ma può darsi che non vi interessi niente di tutto questo. Il problema è che la lettura dei classici, con la massima libertà nell’arricchire il cannone a vostro piacere, allunga la vita. Di solito noi diciamo che quando non succede niente il tempo non passa mai, invece quando abbiamo trascorso ore o giorni appassionati diciamo che il tempo è volato in un minuto. Ma non è vero! Cercate di ripensare una giornata o una settimana noiosa che avete trascorso qualche tempo fa: ne ricorderete pochissimo. Quelle ore e quei giorni formeranno tutti nella vostra memoria una melma, uno spazio brevissimo. C’è gente che è arrivata alla fine della propria vita, dopo aver fatto ogni giorno le stesse cose, si guarda indietro, e non gli pare neanche di essere stata al mondo. Tutto è passato spaventosamente in fretta. Invece pensate a una giornata, una settimana in cui sono accadute moltissime cose, una dietro l’altra, tutte emozionanti, magari quindici giorni che avete passato in montagna o la settimana di tragedia intorno alla morte di una persona cara. Vi ricorderete tutto. Li ricorderete come giorni pienissimi, che fate fatica a riassumere, e avrete l’impressione di avere vissuto per fortuna o purtroppo, a seconda della faccenda, moltissimo. E questa è una delle ragioni per cui gli uomini si sono dedicati sempre a ricostruire il loro passato, come ho detto, anche per bocca dei vecchi che raccontavano intorno al fuoco. Qualcuno che insieme ai suoi ricordi personali abbia anche la memoria di quel giorno che fu assassinato Giulio Cesare, della battaglia di Waterloo, ricorda più cose di chi non sa nulla di quello che è accaduto agl’altri. Io tra i miei ricordi ne ho alcuni di molto emozionanti di cose che non sono accadute a me, ma a mio padre, mia madre, mia nonna, a uno zio, che me l’hanno raccontato, certe volte anche più e più volte, così che sono venute a far parte della mia memoria personale. Ho delle ricchissime memorie della Prima Guerra Mondiale, in cui non ero ancora nato.

Ricordando di più è come se avessi vissuto più a lungo. E penso che questa sia una buona ragione per leggere i classici, indipendentemente da tutte le altre che possono venire accampate. Una volta l’editore Valentino Bompiani aveva detto “un uomo che legge ne vale due…”. Preso nel modo più facile si può intendere che chi legge è più colto, quindi sapendo più cose avrà più successo, ma non è questo. Sappiamo benissimo che talora ha immenso successo chi non ha mai letto niente e di uomini ne vale mezzo. Non è per il successo che bisogna leggere. Ho la sensazione di avere avuto un’infanzia lunghissima e piena proprio perché piena di ricordi che ho rubato ad altri. Li ho rubati a Sandokan e Yanez mentre correvano coi loro prahos e i Mali Malesi, a D’Artagnan mentre duellava con il barone de Winter, all’Uomo mascherato che inseguiva Diana Palmer, e anche a Renzo e Lucia in fuga su un ramo di Como, perché quel “tanto” di vita, che si conquista leggendo, non discrimina tra grandi opere d’arte e letteratura di intrattenimento. Fanno parte della mia vita la scalinata di Odessa dell’incrociatore Potëmkin e gli inseguimenti alla diligenza visti nel più smandrappato dei film western, anche se l’inseguimento alla diligenza di Ombre Rosse mi ha fatto vivere più a lungo di molti altri inseguimenti fatti da Randolph Scott in trucolor. Ma in fondo fanno parte della mia vita anche vicende non romanzesche, storie di dinosauri, il modo in cui Madame Curie ha scoperto il radio o alcune domande millenarie sul mondo. Non fatevi ricattare da chi vi dice che bisogna leggere solo i libri importanti. Ho ricordi intensi e bellissimi anche di libri forse scipiti, ma che mi hanno nutrito lunghi pomeriggi di eccitazione. Sono grato a tutti coloro che scrivendo per me mi hanno concesso una vita talmente lunga che non riesco a ricordarla tutto in un colpo, e devo ricordarla a rate. Per questo spero di campare ancora a lungo per ricordare tutto quello che mi hanno raccontato. Forse quando si è molto giovani, non si pensa che valga la pena di vivere molto. Io mi ricordo che quando ero ragazzo dicevo “vorrei morire a sessant’anni perché così poi non si diventa malati”. Ho cambiato idea. Vi assicuro che andando avanti negli anni, già dopo i trenta, avere vissuto di più non è una cosa da buttar via, a parte il fatto che se adesso scoppia la guerra, metà di voi vivranno di meno. E dunque leggere i classici, di ogni epoca, compresi i classici contemporanei, è una buona assicurazione, non dico per la vecchiaia, ma per una maturità che non tarderà a venire dopo i ventiquattr’anni. Perché ricordatevi che tutto quello che si legge dopo i ventiquattr’anni non rimane, ci rimarrà solo quello che abbiamo letto prima, neanche ai professori d’università.

Noi dobbiamo dire il contrario.

A parte il divertimento di adesso, perché, ripeto, Edipo re è una grande storia di amore passione morte e inchiesta. Se ogni trasmissione televisiva è uguale a quella della settimana precedente, ogni libro, anche il più stupido, è diverso da un altro. Quindi sceglietevi i vostri classici e fatevi il vostro canone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *